“Consigli per realizzare la valigia (quasi) perfetta”: la seconda guida di Irene’s Closet

valigie

“Ricordatevi, comprando una valigia, che durante un lungo viaggio ci sarà sempre un momento in cui sarete costretti a portarla voi stessi” Paul Morand

Anche quest’anno per me è arrivato il momento di fare la valigia alla volta delle vacanze. E sinceramente parlando penso che fare la valigia sia la parte peggiore della vacanza. Quando parti farla è una fatica immensa e fonte di ansia.. quando devi tornare il momento di fare la valigia segna oramai la fine della vacanza. Senza contare poi il fatto di dover rispettare un certo quantitativo di Kg per chi viaggia in aereo costringendo a portare il minimo indispensabile quando vorresti portare con te l’intera casa (ma sarà davvero un male?) e senza contare il fatto che spesso arrivi a destinazione e la valigia fatta con tanta cura è oramai un groviglio e le tue attenzioni per mettere “sopra” i vestiti più facilmente spiegazzabili sono andati a farsi benedire. Insomma per me la valigia è sempre stata un (quasi) incubo!
Ma in realtà il tutto è più facile di quanto sembri. Basta seguire un po’ di regole furbe!
SCELTA DELLA VALIGIA
La scelta della valigia non è un fatto così banale dato che in commercio se ne trovano di tutti i tipi: rigide, semirigide, morbide (non sto parlando di lenti a contatto ma di valige, giuro!), sacchi, borsoni, piccole, medie, grandi, enormi, con o senza tasche con o senza rotelline e chi più ne ha più ne metta.
A seconda delle vostre necessità e del vostro viaggio scegliete la valigia (o le valigie) più consone.
Per il viaggio in aereo per esperienza personale consiglio le semirigide dato che più volte ho visto le valigie rigide girare sui tapis roulant mezze o totalmente aperte, il che non è affatto divertente! Consiglio poi di corredare la valigia ad un trolley che io lascio sempre vuoto per gli acquisti e i souvenir acquistati nel luogo di vacanza. Vi assicuro che trascinarsi due valige è sempre meglio che portare a spalla un borsone e a mano una valigia! :D Occhio poi che il trolley rispetti le misure indicate dalle compagnie aeree, Ryanair ad esempio è diventata molto fiscale!
Per i viaggi in macchina, treno, nave la scelta del materiale e della forma diventa quasi irrilevante anche se per il treno e la nave, soprattutto se si accede senza macchina, è decisamente più confortevole optare per i modelli con le ruote. Se viaggiate in macchina e non siete carichi fino all’orlo usufruite anche delle grucce da attaccare agli appositi ganci accanto alla maniglia che trovate accanto alle vostre teste sui seggiolini anteriori e posteriori. Ideali per appendere abiti in lino, seta (e simili) e giacche purchè coperti da appositi sacchi in plastica (presente, quelli delle lavanderie?) per evitare impolveramenti vari dati da finestrini aperti, aria condizionata ecc. ecc.
Dopo le questioni pratiche passiamo alle questioni di stile. La scelta della valigia è un dettaglio su cui fare attenzione se si è veramente delle fashion addicted! Gli accessori da viaggio sono straordinari indicatori di stile e vanno quindi scelti con cura, come borse e scarpe. Basta passare un po’ di tempo dentro un aereoporto o ad una stazione e guardare le signore per scoprirne i vezzi e il carattere. Al di là della marca delle vostre valigie (per me devono essere funzionali, modello, colore, marca non hanno assolutamente importanza, ma non tutti siamo uguali!) cercate di evitare di decorarle con strisce di nastro adesivo per riconoscerla al momento dell’arrivo sul nastro trasportatore: se proprio si deve meglio annodare un piccolo foulard a fascia oppure, massimo dello chic, i nastri di tessuto delle maison griffati.
COSA METTERE IN VALIGIA
..
img_0987_modificato-3
(Mettiamo tutto sul letto!)
..
Il primo passo è disporre tutto quello che si vorrebbe portare via sul letto e a questo punto cominciare l’opera di scrematura.
..
Eliminate ciò che non avete mai indossato negli ultimi mesi (a meno che non siano acquisti fatti ad hoc per il viaggio) o che non rappresentano il vostro stile quotidiano: un cambio di latitudine non cambierà certo il vostro stile! Fidatevi che se mettete questi capi in valigia riuscirete solo in un intento: fargli fare un giretto perchè con molta probabilità non li indosserete mai!
..

Prendete solo ciò che di cui non potete fare a meno in quanto si sa che molto spesso si torna a casa senza aver indossato metà delle cose portate in valigia (lo so, lo so che ci potrebbe essere un’emergenza..ma sono sicura che avrete già messo abbastanza capi emergenza in valigia!)

..

img_0994_modificato-2

 L’opera di scrematura per le scarpe sarà molto difficile: queste vorrei portarle tutte!

La cosa migliore è creare fin da subito delle combinazioni di massima, degli abbinamenti sommari per ogni situazione. Per esempio decidiamo di portare una gonna nera. Bene ad essa possono corrispondere due top (due perchè necessiteranno di cambio in modo più frequente rispetto ad una gonna) e determinati accessori e scarpe (ad esempio un paio comode per il giorno e un paio eleganti per la sera). Poi per quella stessa gonna prevedete un abbinamento più leggero (per esempio una canotta) e uno più pesante (ad esempio un maglioncino da abbinarci). Cercate di usare gli stessi capi per più combinazioni se no addio valigia leggera!
A seconda della destinazione poi ci sono alcuni capi da non dimenticare assolutamente:
MARE
– abiti leggeri e svolazzanti
– un cappello di paglia
– almeno 2 costumi
-copri costumi e parei
– un paio di pantaloni bianchi
– flip flop per la spiaggia
– sandali flat magari gioiello ok sia per il giorno che per la sera
-sandali con tacco
ESCURSIONI IN CITTA’
– gonne leggere ma non troppo corte
– pantaloni corti o al ginocchio di tessuto leggero
– mocassini sfoderati, scarpe da ginnastica in tessuto o sandali flats ma con suola sagomata
– cappellino o cappello in paglia
– abiti freschi in cotone o lino
-borsa capiente all’occorrenza ma che non sia pesante da vuota
MONTAGNA
– evitare l’abbigliamento troppo tecnico ne troppo metropolitano
– pantaloncini poco sopra al ginocchio con tasche e magliette a maniche corte a gogo, scarpe da camminata tassellate per le escursioni (nello zaino d’obbligo una felpa + un pile + un kway).
– dolcevita in cachemire o lana e  pantaloni in velluto a coste (chic in montagna, fidatevi!) o pantaloni in lana stretch e un piumino avvitato per la sera e per le gite in città (guardate bene le temperature prima di partire, l’anno scorso a Cogne -Valle d’Aosta- a metà agosto la sera c’erano 6 gradi e il giorno raramente si arrivava a 20 in città. Sulle cime i gradi sono intorno ai 10 massimo 15 al sole.).
..

-consiglio tinte accese per le escursioni (regola che vale tra gli escursionisti) e colori del bosco (verde, beige, marrone) per la città e la sera.

..

img_1000_modificato-2

 E gli accessori? Dove li metto?

COME RIPORRE I CAPI IN VALIGIA
Mentre scrivo questa sezione della guida cerco di memorizzare. Sono sempre stata una frana in queste cose e i miei vestiti nel 70% dei casi arrivano sempre spiegazzati. Per cui vediamo un’attimo come riporre i capi in valigia in modo furbo.
..
img_1006_modificato-2

Io metto sempre in basso costumi e accessori in scatole da scarpe in modo tale che non si sforminoaggroviglino. Poi procedo completando il primo strato di valigia con le scarpe, ognuno racchiusa in un diverso sacchetto. La biancheria la ripono nella tasca in rete.

Per evitare sgradevoli spiegazzamenti si dovrebbe procedere così:
– si deve lasciare ogni capo aperto in modo che occupi l’intera superficie della valigia, piegando solo le maniche.
– Prima di tutto mettiamo le scarpe sul fondo e sopra stendiamo un foglio di plastica imbottita (la plastica sarebbe ideale davvero ma in mancanza, tipo me, se ne fa a meno o si opta per della carta facendo attenzione che non sia stampata.. macchia!)
– sopra poniamo pantaloni e vestiti lasciando fuori il tessuto in eccesso da ripiegare poi sopra il resto del contenuto della valigia.
– mettere un altro foglio di plastica e cominciare a posizionare tutti gli altri indumenti, uno sopra all’altro, sempre lasciando fuori le maniche e le estremità.
– fonti autorevoli affermano che si dovrebbero mettere in cima beautycase, biancheria e costumi da bagno. Ma io ho un beautycase che prende mezza valigia (sono una fanatica delle creme :p) per cui preferisco tenerlo fuori.. o metterlo sotto la pila di vestiti.
– a questo punto occorre ripiegare come un involto l’accesso dei pantaloni e dei vestiti.
– ogni spazio vuoto deve essere riempito da plastica o carta per evitare spostamenti di vestiti (che avvengono anche se allacciamo le cinghie interne della valigia).
..

Camicie, vestiti in lino e tuta in raso in gruccia mentre completo la mia valigia chiudendo le cinghie (finalmente)!

..

 

Un metodo alternativo per confezionare la nostra valigia è il metodo “a rotoli”:
– in pratica si deve arrotolare tutto: dai calzini alle camicie agli abiti. A destinazione srotolare.
– si comincia posizionando sul fondo gli abiti lisci
– poi mettere calze collant cinture miniombrello foluard.. nelle scarpe che vanno infilate per ultime, in sacchetti, nei buchi lasciati dai vestiti intorno alla valigia.
..
QUALCHE CONSIGLIO FURBO
Per salvaguardare i capi delicati l’ideale è avvolgerli dentro a un pezzo di tessuto e arrotolare il tutto.
..
Libri e riviste vanno sistemati nelle tasche esterne della valigia per proteggere ulteriormente le cose all’interno della valigia.
..

Quando siamo arrivati a destinazione, appendete in bagno gli abiti più importanti o quelli che si sono stropicciati. Aprire l’acqua calda della doccia e chiudere la porta per almeno 10 minuti. Il vapore eliminerà le pieghe stirando naturalmente e rinfrescando gli abiti.


Inoltre vi consiglio di leggere...


34 thoughts on ““Consigli per realizzare la valigia (quasi) perfetta”: la seconda guida di Irene’s Closet

  1. Ciao! Allora ti auguro buon viaggio! Apprezzo sempre i suggerimenti sulla preparazione delle valige ma…è difficile! io sono proprio impedita perchè penso potrei aver bisogno di TUTTO! E siccome mi si è rotta la valigia..devo anche decidere quella nuova da acquistare! In bocca al lupo per tutte le scarpe che vuoi portare con te ;)Ah, ho appena pubblicato il post su Pitti, se avrai tempo per un'occhiata m fa piacere! BaciCrihttp://cristinaontiptoe.blogspot.com/

  2. Buon viaggio! Io parto tra meno di due settimane per la Sardegna!!! Io faccio esattamente come te, l'intero armadio sul letto! E mi è anche utile perchè cosi, riponendo ciò che non metto in valigia, ne approfitto per mettere un po' d'ordine nel mio confusionario armadio! Comunque, a differenza tua, io adoro fare la valigia, perchè mi fa assaporare già l'idea di partenza, di viaggio, di "un'altra vita" per una settimana. La trovo anche molto rilassante! (: spero tu ti diverta! Comunque bella guida! Kisshttp://0uat.blogspot.com

  3. Prima di tutto: BUON VIAGGIOOOO! Poi…la guida è stata davvero divertente e interessante, complimenti!ho trovato utile soprattutto l'ultimo consiglio, quello di lasciare in bagno con il vapore i vestiti che si sono stropicciati!!La prossima volta che mi capiterà proverò questo metodo!:-)

  4. ciao irene!!! è da un po' ke ho scoperto il tuo blog e devo dire ke è interessante! sai davvero creare abbinamenti fantastici ma sopratt low cost!!! inoltre questa guida mi è sembrata davvero utile! a dire il vero poi, ti trovo anke molto simpatica!!! :) ti chiedo un consiglio: saldi!!! ma secondo te è meglio a) correre ai saldi il primo/i giorno/i x trovare il meglio (sempre se poi è csì)oppure è meglio b) attedere un po' xke molti negozi ribassano ancora i prezzi e mettono fuori roba in più successivamente alla prima sett o primi giorni di saldiilluminami!!! xke io nn so se fare a o b…… ho ancora un po' di tempo x decidere tanto da me i saldi iniziano il 17 (VENETO) ufffffffff :( un bacioooo e buone vacanze!!!

  5. Carinissima la tua guida!per me fare la valigia è sempre fonte di estrema ansia, vado completamente nel panico e vago per la camera senza concludere nulla!Io ho una valigia rigida è per evitare i danni dell'aereo la faccio sempre incelofanare in aeroporto, la plastica oltre a proteggerla la tiene anche ben chiusa…Per il riempimento procedo in modo un po' diverso. Visto che la mia valigia è divisa in due metà, in quella più piccola metto le scarpe ( tutte nei loro sacchettini)e il beauty con i flaconi più ingombranti che non possono più essere portati nel bagaglio a mano ( max 100ml… sigh!)più altri accessori come cinture e borse, in modo che rimangano ben separati dai vestiti.La scatola per i costumi può essere utile ma mi sembra troppo ingombrante …io metto la biancheria negli spazi vuoti.Ovviamente esagero sempre e non riesco mai a lasciare un bagaglio vuoto per gli acquisti…Le cose a cui tengo di più cerco di metterle nel trolley perchè ho sempre paura che mi perdano la valigia…

  6. Ciao Irene,Carinissimo questo post… mi fa venire voglia di partire, sigh!Il consiglio del vapore nel bagno è eccezionale e lo sperimenterò sicuramente. Cosa significa "struffellata"?Buon viaggio e buon divertimento.Ciao,N.

  7. Sei una grande a fare un post del genere fotografando la tua valigia! Sembra un tutorial!! =)Anche sono un po' in panico per la valigia: tra un po' devo andare in montgna per una settimana-studio e il problema più grosso sono i 2 vocabolari(greco e latino)da portarmi dietro…ma spero di adare in macchina e non in treno! E poi il mio vero dramma sarà il viaggio in aereo con bagaglio a mano per la sardegna: le creme!!! Devo portarmi confezioni minuscole di protezione 50, creme lenitive, doposole, super idratante… perchè la mia pelle è facile alle usioni! O.o Dovrò girare le farmacie chidendo campioncini per due settimane!! arggg!!! Tu hai mai avuto questo problema, dato che sei una maniaca delle creme?Bravissima come sempre!Divertiti in vacanza, spero che la tua chiavetta vada, non posso resistere tropo senza il tuo bog, però devi divertirti prima i tutto!! =)

  8. Guida fantastica e postata al momento giusto!!Io odio profondamente fare e disfare le valigie!Ma con la pratica sto cercando di razionalizzare a più non posso! Le tue indicazioni sono utilissime!Visto che è il mio primo commento,approfitto anche per complimentarmi per il tuo blog! E' simpatico,utile e ben realizzato!Continua così!Buon viaggio!!

  9. Ciao irene, utilissima la tua guida, la migliore che ho letto finora (ne ho lette tre) buon viaggio :) mi mancherai e spero riuscirai a postare qualcosa perchè ti seguo sempre :)x l'ANONIMO che chiede consiglio sui saldi..anch'io sono del VENETO e ho girato già x alcune città e posso dirti che i saldi sono già cominciati!!!!! Tu da fuori non vedi nulla xò x es. da benetton ho visto dei punti esclamativi giganti (e uguale alla sisley sia x adulti che sisley young) e la vetrina vuota e quando sono entrata le commesse hanno detto che loro hanno già cominciato con gli sconti, su un altro negozio fuori c'era un cartello con scritto "noi ci siamo uniti alle altre regioni e i saldi li cominciamo il 3" poi su un negozio di scarpe hanno messo tutti punti di domanda vicino ai prezzi, e così anche in altri due negozi.. altri invece hanno messo delle vetrine piene di scarpe x es tutti vicine senza organizzare la vetrina come gli altri mesi.. insomma TUTTE TECNICHE PER ATTIRARTI DENTRO e poi quando entri ti dicono "noi i saldi li abbiamo già cominciati" ma x legge non possono scrivelro fuori sennò si pigliano la multa..cmq sia, io con i saldi faccio sempre motlo affari e raddoppio il mio guardaroba ogni anno :D e ti dico che vado uno dei primi giorni (probabilmente tra sabato e domenica girerò in altre città in cui non sono ancora andata ma che sono lontane da me così sarò sicura che ci siano i saldi) e poi ritorno dopo due settimane (ho visto che moltissimo tirano fuori i capi migliori dopo le prime due settimane in cui si accumala la gente credendo di fare superaffari) e poi faccio il terzo giretto verso la fine (di solito fine agosto) quando mettono tipo "tutto a TOT prezzo" ecc.. poi invece da settembre riprendo il giro dei negozi comprando i capi autunnali.scusami irene se ho scritto un papiro che non centra neanche molto con il post.. spero mi perdonerai ^^

  10. Guida carina e interessante e poi le foto dove ci sei anche tu sono molto spiritose.hai un'aria sbarazzina..Io però il problema della valigia non lo affronterò perchè me la fa mia madre XDPassa da me quando hai voglia e tempo. Mi farebbe molto piacerehttp://www.pleasereturntoalyscloset.blogspot.com/

  11. x MARTINA: DI BENETTON mi sono accorta si :) io ero interessata in particolare a zara h&m e promod… e nn mi sembra ke questi abbiano già iniziato ( ? )pensavo di andare i primi gg ma nn so se andare proprio il primo giorno…. mi chiedo se è meglio aspettare..anke io punto a raddoppiare il mio guardaroba e sopratt ora x le cose estive xke devo partire ad agosto quindi devo concentrarmi su luglio io :Dmagari andrò una prima volta e poi un'altra prima di partire x le vacanze xvedere se tirano fuori altri capi :)M.

  12. Ire, ma stai benissimo senza trucco! Ottimi consigli per la valigia :D la cosa degli accessori nelle scatole non mi era mai venuta in mente, io di solito li ripongo in dei sacchetti tra gli abiti e gli accessori "preziosi" li porto rigorosamente nel bagaglio a mano o indosso alla partenza :DGiuliahttp://theredgirlsmile.blogspot.com/

  13. M. a questo punto ti consiglierei di andare uno dei primi giorni e poi tornare dopo le vacanze.. io non vado da H&m e Zara sabato (il 17) perchè immagino che siano presi d'assalto.. magari prova domenica (ho sentito che a Padova i negozi sono aperti e meditavo di fare un giretto.. xò devo informarmi meglio, oppure in veneto c'è sempre il valecenter con bershka pull and bear zara h&m Kiko e un sacco di altri negozi) oppure uno dei primi giorni.. ma il primo te lo sconsiglio, ci sarà ressa e io almeno, poi non so tu, ho bisogno di calma (soprattutto da Zara a Marcon) , di rovistare e passare i vestiti uno ad uno finchè non trovo quello mi rende soddisfatta, almeno nel momento dell'acquisto, poi magari rimane in un angolo remoto del mio armadio.. dettagli ^^ Buono shopping ^^

  14. Ciao ragazzi!!! La chiavetta internet funzionaaaaaaaa!!Vi scrivo in diretta dalla mia camera a Porto Palo.. abbiam appena finito di mangiare pasta con pomodori pachino (coltivati a pochi km da Porto Palo) e gamberetti (portati dal pescatore che abita vicino a noi stamani e appena pescati). Sono distrutta ma felicissima dopo 15 ore di viaggio! I vostri commenti mi fanno davvero piacere. Sono felice che la guida vi sia piaciuta e vi sia utile (spero!).STRUFFELLATA significa scompigliata! :D Che faccia che avevo in queste foto! Anche se in realtà nelle foto che ho fatto oggi durante il viaggio ho una faccia tremenda dato che essendo la mia prospettiva ore ore ore ore di macchina non ho certo pensato a truccarmi pettinarmi decentemente! Per cui perdonooo!!L'idea del vapore è bellina vero?? Io la userò più tardi quando farò la doccia per il mio vestito lungo che avete visto in cima alla valigia che come prevedibile è un po' stropicciato. Il resto no e sono davvero soddisfatta della mia valigia quest'anno!! :DPer quanto riguarda l'uso della scatole la trovo una soluzione comoda per lasciare tutto in ordine e poi siccome io uso costumi un po'imbottiti mi permette di lasciarli in forma :)Per quanto riguarda la domanda sui SALDI, io faccio ottimi affari il primo giorno come ho scritto nella mia guida (non so se l'ahi letta, la trovi nella sezione MY ARTICLES!). Poi ogni tanto vado a fare qualche giro di ricognizione quando le cose si calmano. Per esempio ieri ho comprato un paio di tronchetti spuntati Primadonna che tranquillamente potrò mettere questo inverno a 30 euro (invece che 60!). Quindi se hai tempo.. consiglierei di utilizzare entrambe le soluzioni! :DRANO ahahah il salto sulla valigia questa volta non è servito! :D Menomaleeee!!Spero di aver risposto a tutte!Adesso mi dedico al post per domani riguardante il mio viaggio e poi per me domani.. la prova costumeeee! Ahhhhh!! :DUn bacio a tutti e grazie!!

  15. Ottimi consigli, specie quello di mettere i vestiti in bagno per stirare "naturalmente" le pieghe…cmq.sei sempre molto molto bella, anche senza trucco…fidati!!!baciii e buon viaggio tesoro!!!*_*

  16. Benarrivata in vacanza!Tranquilla penso capiamo benissimo perchè eri "struffellata" (ero troppo curiosa di sapere cosa significa… adoro le parole in dialetto! ;-) ). E poi… chi di noi non lo è in questi giorni, con questo caldo?Ciao,N.

  17. Irene si vede che le valige e i viaggi in aereo li fai davvero poco. Come ti viene in mente di legare un foulard a una valigia da imbarcare?? così a destinazione arriverà nero, se arriverà ovviamente, perchè considerando i "viaggi" che fanno le valigie imbarcate e il modo in cui vengono trattate, è la cosa più probabile. i nastrini griffati poi, oltre che fare cafone, non sono una scelta molto smart: si sa bene che i furti sono un rischio da calcolare quando si imbarca una valigia, attirare l'attenzione su di essa non aiuta a prevenire questo rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *