Byblos, Marco De Vincenzo, Missoni e Naomi Campbell da D&G!

1-3
Domenica intensa e soleggiata per la mia quarta giornata di fashion week milanese. La prima sfilata a cui oggi ho assistito è stata quella di Byblos in cui flora e fauna sono state il tema portante della collezione. Maglieria con pattern tridimensionali che ricordano gli animali preistorici: un omaggio palese ad Alexander Mcqueen, riferimento che si ritrova anche nelle pettinature caratterizzate da trecce sui lati del capo. Bellissimi gli accessori: catene di diversa forma, in ottone e argento anticato, con nastri colorati tra di essi. I sandali altissimi con il tacco a banana costruiti con decorazioni con catene sono sicuramente il pezzo forte: li trovo stupendi.
Dopo un pranzo veloce consumato al pc visionando le foto della mattinata, mi sono avviata verso la sfilata di Marco De Vincenzo che si è svolta presso il circolo Filologico. Per la prima volta ho avuto l’onore di sedermi sul frontrow proprio di fronte a Franca Sozzani e a pochi posti di distanza da Natasha Stefanenko e Daria Bignardi con sua figlia: che ganzo! La sfilata mi ha entusiasmata tantissimo! Marco De Vincenzo è un giovane stilista che è presente alla fashion week solo dal 2009 ma chè ha raccolto già davvero moltissimi successi. La sua sfilata è stata sicuramente una ventata di novità. Tripudio di piume colorate e paillettes per abiti dal taglio sartoriale: veramente di effetto.
 1-4 2-2 3-2 5-2 6-2
Appena terminata la sfilata di Marco De Vincenzo, insieme a moltissimi altri bloggers, siamo letteralmente volati presso la sfilata di Missoni che, oramai da alcune edizioni, ha deciso di aprire il defilè anche al pubblico. La sfilata si è svolta ancora una volta nel chiostro della Statale e, se per metà esso era riservato ai buyer e alla press accreditata, l’altra era affollata dalla “gente comune” che ha potuto anch’esso godersi la sfilata e il passaggio delle modelle tra cui la bellissima Sasha Pivovarova. La collezione è davvero particolare: esplosione di colore con bordature in nero talvolta accompagnate da macro lettere. Ciò che mi è piaciuto di più sono però gli accessori.. cappelli, occhiali, bracciali e scarpe: da tenere d’occhio per la prossima stagione.
1-5 3-3 4-2 5-3
La giornata è terminata allo store di Dolce e Gabbana in via della Spiga dove abbiamo avuto la possibilità di conoscere Naomi Campbell, ospite d’onore dell’evento creato appositamente per festeggiare i suoi 25 anni di carriera. Una “venere nera” realmente: è stupenda, la donna più bella che io abbia mai visto!
Reportage per Pianeta Donna

Inoltre vi consiglio di leggere...


0 thoughts on “Byblos, Marco De Vincenzo, Missoni e Naomi Campbell da D&G!

  1. Ciao! :) E' similissima a quella di Alexander Mcqueen.. anche se alcuni capi obiettivamente non erano male! Noemi è bellissima e inavvicinabile! Stuoli di bodygards intorno e divieto assoluto di tenere macchine fotografiche.. ovviamente i soliti temerari le facevano (e poi venivano rimbrottati). L'ho vista sempre seduta perchè era ad autografare le tee d&g (costo 200 euro per una tee bianca stampata, panico!) create proprio per l'occasione.

  2. omaggio a mcqueen….un pó troppo spuderatamente! nel senso…non é brutta, anzi, anche mettibile. io ero una grande fan di mcqueen quando ancora frequentavo il polimoda, ma mi sono stufata un pó dall'esagerato…adoravo le sue collezioni vecchie, questa mi é piaciuta poco, peró trovo "ridicolo" copiare un genio tale…secondo me un omaggio é un altra cosa…ma vabbé!naomi in effetti dev'essere pazzesca dal vivo wow! goditi questi giorni special!:-)ho fatto uno clutch e sarebbe bello sapere il tuo pensiero a riguardo, se hai tempo passa dal blog e la vedi! un bacione, sissi

  3. Sei forte Irene!! ..grazie per documentare tutto in tempo quasi reale! :-O …concordo sugli accessori missoni! io ho un paio di sandali colorati Missoni che da soli bastano a creare un look!A domani! -)

  4. Buondì ragazzi!!Assistere alle sfilata è emozionante: quando si accendono le luci e parte la musica ad un volume altissimo è il momento che preferisco a livello emozionale. La sfilata è invece è semplicemente qualcosa di utile: non solo vedere la collezione ma soprattutto vederla in movimento è tutta un'altra cosa. Omaggio? Sì in questo caso è una gentiliezza per non dire scopiazzatura! Ovviamente non tutta la collezione era un tributo a MCqueen però insomma, una buona parte :DUn bacio a tutti, in arrivo un nuovo post!

  5. In effetti Byblos era pressochè identico a McQueen persino nelle acconciature!! Irene una domanda ma da Missoni 'ingresso era libero?? Tra le foto, non solo le tue, ho visto anche alcuni bambini per dire!!

  6. Sì sì non l' ho scritto? Era ad ingresso libero per metà, l'altra era normale con accredito!! Io non avevo l'invito e sono riuscita comunque a vedermi la sfilata, secondo me è stata una bellissima iniziativa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *