Sabato pomeriggio sono stata invitata a passare un bellissimo pomeriggio insieme a Olivia & Marino e tanti altri culturi del gusto e delle bellezze italiane. La meta sabato era Firenze e tra un’aperitvo e una visita ad un negozio – laboratorio di arredamento di design, abbiamo avuto l’opportunità di visitare il museo Salvatore Ferragamo.
▪▪
Saturday afternoon I have been invited to enjoy a beautiful afternoon together with Olivia & Marino and other cuisine and cultural beauties lovers. On saturday the destination was Florence and between an aperitif and a visit to a design shop, we have had the opportunity to visit the Selvatore Ferragamo museum.
.

 .
Il museo Salvatore Ferragamo è stato inaugurato nel 1995 e al suo interno, grazie ad un allestimento interattivo, si racconta la storia di Salvatore e della sua azienda. La collezione di scarpe documenta l’arco di attività di Ferragamo, dal 1927 al 1960 (anno della sua morte). Undicesimo di quattordici fratelli, nasce con la passione per le scarpe tanto che, a 9 anni, decide che da grande vuol fare il calzolaio. Il primo paio di scarpe che creò? Quelle per la comunione di una delle sue sorelle: erano troppo poveri per permettersi anche un paio di scarpe. A soli 17 anni si trasferì in America e qui in poco tempo aprì un negozio di calzature.
▪▪
The Salvatore Ferragamo museum opened in 1995 and here you can find, thanks to an interactive mounting, the Salvatore and him company history. The shoes collection documents the Ferragamo job from 1927 to 1960, year of his dead. He was the eleventh of fourteen brothers and he born with the passion for shoes. As a matter of facts, at 9, he decided to became a shoemaker. The firs pair of shoes that he created was for the communion of his sister. They was to poor to afford a pair of new shoes. When he was 17, he moved to America and in a few time he opened a shoes shop.
.
Bastò poco per guadagarsi il nome di “Calzolaio dei sogni”. Tornato in Italia si stabilì a Firenze dal 1927 dove la sua fama divenne mondiale e il palazzo dove oggi si trova il negozio e il museo, divenne la meta del jet set internazione e degli attori del cinema.
▪▪
He don’t need much to became “The dreamer shoemaker”. Then he come back in Italy and from 1927 he estabished in Florence where his fame became international and the palace in which now the shop and museum are located became the international jet set and cinema actors destination.
.

 

All’interno del museo le calzature esposte sono tante (l’archivio ne conta 10.000 diverse e vengono esposte ciclicamente): si va dalla celebre zeppa in sughero brevettata nel 1936 e subito copiata in tutto il mondo, alle tomaie in carta per le caramelle, adottate durante la seconda guerra mondiale. Vi sono poi calzature famose per essere state indossate da stars di Hollywood come Marilyn Monroe, Greta Garbo, Audry Hepburne.
▪▪
The shoes that has been esposed into the musem are really a lot (the archive counts 10.000 pair of different shoes): from the renowned cork wedges patented in 1936 and suddently copied by all the word, to the shoes with the part above of  the shoes made with the candy’s paper and used during the second world war. There are also shoes became famous because put on by Hollywood stars like Marilyn Monroe, Greta Garbo, Audry Hepburne.

 

.

 In this pic Giorgia from Student Flair blog and a big hug also to Paola from Pensieri in standby!
.
.
Useful informations:
The museum is located in Piazza Santa Trinita 5r (Florence).
The ticket is 5 euro.
It’s opened everyday from 10 to 18 and on tuesday it’s closed.

Inoltre vi consiglio di leggere...


14 thoughts on “

  1. E' qualcosa di stupendo questo museo.Sono stata anche io a Firenze ad inizio dicembre ed una delle prime cose che ho fatto è stata andare a vedere questa mostra, mi è piaciuta tantissimo soprattutto perchè interattiva!!!bel post Irebaci e passa da me quando vuoi:)The chic attitude

  2. Io studio storia dell'arte, un giorno spero di poter lavorare in un museo, adoro le scarpe, anzi sono una compra scarpe dipendente, quindi non posso non amare questo post;)

  3. Grazie ragazze, mi fa piacere che vi sia piaciuto :)ANGELA: mai fatto un acquisto, mi hanno inviato un maglione in review e devo farci ancora le foto, tra le altre cose. La spedizione va dai 19 euro in su, sei tu che scegli il corrirere e i prezzi in base ad essi e ai tempi di arrivo. Io non ho pagato niente di dogana. Il prodotto però non era identico a quello presentato. Il mio golf era mignon, mi arriva alla vita, mentre in foto alla modella arriva ai fianchi. Quindi sempre occhio alle misure!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *