Packing for Milan Fashion Week

©sgp
Oggi pomeriggio partirò per Milano, dove arriverò precisa per partecipare al Gala di Donna Moderna, cartaceo ed online: ma vi parlerò di questo a tempo debito, lasciandovi un po’ di curiosità! Infatti come al solito sono di fretta: la valigia è ancora aperta, un outfit è ancora da scegliere e ancora molto lavoro è da organizzare. Insomma, un macello :D Cosa indosserò durante questa Fashion Week? Ecco alcune idee da cui ho preso ispirazione per la composizione dei miei outfit. Spero che seguirete i miei reportage e i miei spostamenti durante la settimana! E mi raccomando, se siete in zona vi aspetto per un aperitivo tutte insieme da Sephora ogni giorno dal 23 dalle 18 in poi :)

This afternoon I’m going to leave for Milan in which I’ll arrive exactly to attend Donna Moderna’s Gala. But I will talk about it properly ASAP. As a matter of fact I’m late: the suitecase is still open, I haven’t choose an outfit yet and so much work have to be prepared! What I’m going to wear at Milan Fashion Week? Here some pics from which i took ideas for the creaton of my outfits. I hope you’ll follow my posts and my adventure during MFW
!
00270h_183736437935-1 00110h_183719177878 00550h_141024480193-1 chloe_rtw_oct_2010_027_130858684802-1 Ready to Wear Spring Summer 2011 Chloe DET Paris October 2010 image8-1 vintage bag orient chic versace robertocavalli_det_rtw_sept_2010_138_123148791408 Ready to wear Spring Summer 2011 Jil Sander Milan September 2010

Inoltre vi consiglio di leggere...


0 thoughts on “Packing for Milan Fashion Week

  1. che bello Ire, non vedo l'ora di rivederti! Dopo la nostra "collaborazione" l'idea di incontrarci è ancora piu piacevole ;)Sono curiosa di vedere come interpreterai la maxi gonna trasparente. E' un pezzo che speravo di trovare durante i saldi ma mi è andata male! A prestissimo :)))

  2. Puntualmente ogni anno, prima delle fashion week vengono sfornati centinaia di post come questo da parte delle sedicenti fashion blogger invitate (e che noia)All’inizio poteva essere anche interessante come cosa, ma ormai adesso hanno capito tutti che a queste benedette settimane della moda vengono invitati cani e porci e chiunque abbia un blog anche se misero può richiedere l’invito ad assistere alle sfilate (chiaramente una posizione standing non certo front row, ma nessuna di voi sarà in prima fila)La gente va a lavorare ogni giorno, e non lo sbandiera ai 4 venti.. far vedere che si va di qua e di la dimostra solo la poca eleganza e la provincialità di voi FB, vestite a festa e col vestito buono della domenica per partecipare ad un evento per il quale la vostra presenza non è rilevante ma solo marginale per far numero e perché no, un po’ di pubblicità gratuita.Dai su, è da due mesi che sbandieri sta cosa della settimana della moda, ma pensi davvero che ci sia ancora qualche poveretta sprovveduta che ti invidia perché pensa che sia un eventi esclusivo? No perché nel caso ci fosse vorrei dirle di aprire gli occhi, non è tutto oro quel che luccica.Ah e mi auguro di non leggere né qui né da nessun altra parte parole come “una settimana della moda faticosa”, “sono stanca” e bla bla bla, per rispetto almeno di chi lavora sul serio.A proposito, tu pensi di vivere con il blog? Io ti consiglio di trovarti un lavoro serio, la moda dei blog non sarà eterna.saludosE.

  3. E. io non lavoro con il blog, non prendo una lira dallo scrivere post sul mio blog. Anzi via ad essere onesti uno 0,50 cent al giorno da google adsense che mi paga una pizza con Giova al mese. Non vado alla settimana della moda per suscitare invidia ma per lavorare, e chi segue il mio blog lo sa. Un post del genere serve a coinvolgere le persone che mi seguono in quello che sto facendo, è quello che la maggior parte dei lettori desidera e che mi piace condividere. Inoltre un post del genere credo possa essere apprezzato sia da persone che vogliono essere coinvolte nelle mie "avventure" sia da persone che a cui non importa niente di ciò, ma che vogliono vedere solo "moda": ho proposto infatti immagini tratte dalle passerelle per la prossima stagione. Detto questo, ti ringrazio comunque della tua educazione. Ti auguro buona giornata.

  4. Ma conosci Irene e il suo blog? No, direi di no. Invece di venire sul suo blog e sparare a zero, seguila e rileggiti i suoi post.Qui regna l'umiltà, se cerchi il suscitare invidia vai su ben altri (noti) blog. E sì, Irene, fai bene a renderci partecipi delle tue avventure: noi ti seguiamo perchè ci piaci tu, il tuo modo di vestire e le tue avventure, come tu le hai definite.Ti seguiamo e non ti curare degli Anonimi che non sanno di cosa stanno parlando.Con affetto, una tua lettrice.

  5. PAOLA: certo, caffeino con gli altri d'obbligo!LETTRICE SILENZIOSA: solo una parola, ma grande: grazie!CHIARADE: non vedo l'ora, abbiamo un po' di cose da fare insieme :PFLAVIANA: bello davvero! Un po' più complicato decidere come abbinarlo nella realtà :D

  6. Irene te la meriti tutta questa settimana della moda!!!!!!!!!!!Goditela alla grande e….non ti curar di loro ma guarda e passa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!bacissimiLisawww.thecurlylady.blogspot.com

  7. Credo che certe persone commentino su un blog quale quello di Irene perchè consapevoli del fatto che l'autrice risponderà loro a tono per difendersi. Giusto per creare zizzania..Continua così, non ti curare degli invidiosi, stai facendo un ottimo lavoro!:)Martina

  8. No Ire,per carità,non sentire certe cose,a parer mio dimostrano solo di avere un certo…come potrei definirlo per non essere volgare :D ?"Rodimento",dai,chiamiamolo così,perchè se così non fosse non ci sarebbe motivo di entrare nel tuo blog e di scrivere ben 14 righe di commento :D ! Continua,perchè è interessante quello che fai,e poi credo che il fenomeno blog non possa finire,ma che anche questo come tutto possa evolversi,svilupparsi in maniera differente,e se continuerai a fare bene potrai sempre tenere il passo!Comunque mi piace da morire ciò che hai scelto come ispirazione,aspetto la tua reinterpretazione!Baci ;)

  9. Probabilmente chi trova tanto da ridire è solo invidiosa del fatto che altri possano andare alle sfilate; per chi ama la moda, esserci così è comunque una grande occasione. Però Irene, Donnamoderna ti paga? O rientra tutto nel concetto di crowdsourcing che piace tanto oggi a quelli del marketing???

  10. PINCOPALLINO: ho un rimborso spese che mi rende davvero felice! Al di la di questo credo che sia un bel banco di prova per vederci all'opera, magari da cosa nasce cosa. E per noi imparare :) Grazie ragazze di tutti i vostri commenti, mi fanno piacerissimo!!Un bacio dal pullman :D

  11. Penso che le/i fashion blogger dovrebbero formare una forza unica e combattere chi "chiede" loro di lavorare gratis. Il problema è che le aziende se ne approfittato finchè c'è gente che accetta!!!

  12. Ahahaha questa è bella :D Prima di tutto quante ragazze di 20 anni non vorrebbero andare di persona a una sfilata? Anche gratis! Secondo, che "contributo giornalistico" danno la maggior parte delle FB??? Le FB le fanno andare alle sfilate perchè "tirano" visite sui siti di DM e simili, non certo per farle crescere. Se dovessero anche pagarle le lascerebbero semplicemente perdere!

  13. Una cosa è andare ad una sfilata, un'altra è scrivere e lavorare ore senza essere pagati. Ma se nessuno apre gli occhi…Conosco bene lo scarso contributo dell'80-90% dei fashion blogger, gente che scrive come se stesse alle elementari. Ma il concetto vale lo stesso…lavoro gratuito!

  14. NO, guarda Irene neppure io ti sopporto e ti invidio fino a mangiare bile! Eh già, che invidia una giovane (bella) ragazza neo laureata che vive una passione senza prosciugare il protafoglio dei genitori, diventerndosi, giocando con i capi, senza alcuna presunzione e una carrellata di autostima! Cavoli come ti invidiamo!Sarà proprio per questo che sono sempre qui a spulciare i tuoi post!-_-'' Oh cielo signori, troviamoci un impiego così forse potremo anche noi guadagnarci i nostri bei 50 cent e mangiarci una pizza a fine mese! :)Ire, sei splendida, ti invidio così tanto perchè vai alla settimana della moda che verrò a trovarti a Sephora a testa alta (anche se la mia testa alta ti arriverà a metà spalla!!)ps: e in barba a tutti costor, quando sarò io a mettere su una sfilata (ok scherzo..) Irene Colzi la mettiamo in prima fila ok? Anzi direttamente sopra a sfilare!! :D

  15. Dimenticavo: un appunto te lo faccio! Ho letto l'intervista a DM di cui hai messo il link su twitter, ma l'hai scritta tu?Perchè ho notato che non è scritta benissimo, poco scorrevole e ci sono un po' rimasta perchè ti solito scrivi molto meglio!Non era per fare la petulante volevo solo fartelo notare!xoxo

  16. Yeahh Irene…divertiti e indossa ciò che ti piace.Sono sicura che non mancherà il cappello e il tuo abito piumato di Zara. ^__*Per l'anonimo che scrive…ma perchè passi di qua? Opera pia verso i lettori del blog? Stai tranquillo/a, riusciamo a badare a noi stessi ^__^

  17. C'è lavoro da fashion blogger, e lavoro da fashion blogger. Dipende da cosa ti chiedono di fare e tu che tipo di prestazione oppure di vantaggio puoi dare all'altra parte. Se una persona scrive come un bimbo delle elementari, ma porta, ad esempio, 1.000 visitatori, per quel sito vuol dire guadagno. Allora sì, la persona che scrive con i piedi dovrebbe essere pagata per il vantaggio economico portato all'altra parte. Questo quello che penso.A tutte voi, grazie dei vostri commenti :) Sono appena arrivata in hotel! La chiavetta internet funziona benissimo (fortunatamente) per cui non avrò alcuna difficoltà nell'aggiornarvi! :)A mangiare qualcosa e poi primo post :D Buon proseguimento di pomeriggio!

  18. Non leggete quello che non c'è scritto. Mi sembra che una persona abbia sollevato la questione pagamento e secondo me è giusto che se ne parli. Numerose sono le testate giornalistiche che, invece di pagare due persone per un periodo, seppur breve, caratterizzato da un'enorme mole di lavoro, attirano con il loro nome e ne ricavano soldi.Tantissimi sono i giovani che giorno per giorno combattono il precariato e le finte prospettive di lavoro nascoste in stage gratuiti e massacranti. Io dico che è giusto che se ne parli, qui come nei forum.Non è un attacco alla persona, in questo caso Irene, ma a quello che questa gente si aspetta da lei.

  19. che tristess….ma perchè la gente deve essere così cattiva gratuitamente? ma se anche fosse il direttore/direttrice di Vogue, a che pro??non sono una fashion addicted ma seguo il tuo blog perchè è molto ben fatto e tu mi sembri molto carina e alla mano. non "te la tiri" per nulla, come si dice qui a milano!^_^quindi, vai a tutte le sfilate, divertiti e scrivi i tuoi soliti,graditissimi, bei resoconti!(e per inciso, ti stimo molto perchè stai portando avanti la tua passione…ti auguro di tutto cuore di riuscire a farla diventare il tuo lavoro!!!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *