Bahia de las Aguilas: la spiaggia più bella e incontaminata del mondo.. (Diario di viaggio parte 2 di 3)

4/12/2015

santo domingo (14)

Bahia de las Aguilas: da Playa de la Cueva con Eco del Mar alla spiaggia più bella e incontaminata del mondo..

Bahia de las aguilas. Dopo la prima parte del mio diario di viaggio nella Repubblica Dominicana più autentica, ecco  la seconda parte tutta dedicata ad una delle spiagge più belle ed incontaminate del mondo..

Il terzo giorno del nostro viaggio, dopo una notte trascorsa a Hostal Dona Chava a Pedernales, una struttura iper-tradizionale, coloratissima ed immersa nel verde, ci siamo dedicati all’esplorazione di Bahia de las Aguilas, giudicata una delle spiagge più belle ed incontaminate del mondo. Partenza da Playa de la Cueva, nei pressi di Cabo Rojo, nella Provincia di Pedernales  che, con il 68% di aree protette, parchi naturali e le sue biodiversità, è una zona assolutamente unica e preziosa al mondo. Affrettatevi: in futuro secondo i piani del Ministero del Turismo, qui si convertirà ad una meta turistica e di attracco di navi da crociera e sarà difficile vederla cosi deserta come abbiamo avuto il piacere noi..

Bahia de las Aguilas: la spiaggia più bella e incontaminata del mondo..

La nostra escursione alla Bahia è stata organizzata da Eco del Mar (Sul sito potete prenotare direttamente dall’Italia oppure in loco). Cos’è Eco del Mar? E’ una struttura assolutamente paradisiaca, che sembra uscita da una visione o da una rivista di design: si raggiunge da una strada assolutamente deserta, sterrata e si affaccia su uno dei mari più azzurri del mondo. Atmosfera super chic, amache sotto gli alberi, gadzebi bianchissimi con tende bianchissime dove mangiare o riposare, una vista pazzesca. Proprio da Playa de la Cueva dove Eco del Mar è situato siamo partiti con la nostra imbarcazione verso Bahia de las Aguilas. E vi posso garantire che l’essere inserita nelle più importanti classifiche di bellezza e naturalità del mondo ha il suo perchè. Credo sia la spiaggia più bella che abbia mai visto in tutti i miei viaggi. Una zona immersa nel niente, km e km di costa completamente deserta e paradisiaca. Un paradiso anche per fauna e flora, con stelle marine praticamente giganti. Credo che le foto di oggi possono parlare sicuramente meglio di me. Avete mai visto qualcosa di più bello?

stella marina

Se vuoi leggere di più..

QUI per vedere la prima parte del mio diario di viaggio in Repubblica Dominicana

QUI per vedere tutti i miei viaggi sul mio mappamondo

QUI per vedere la sezione travel del mio blog

29 commenti

Repubblica Dominicana: il mio diario di viaggio tra spiagge caraibiche e deserte, natura e Santo Domingo. Parte 1 di 3

3/12/2015

Repubblica Dominicana: il mio diario di viaggio, parte 1 di 3. Premesse, partenza e spiagge poco turistiche..

Repubblica Dominicana. Quando si pensa ad una fuga al caldo, nella pace, nella tranquillità, lontani dallo stress delle nostre città, la nostra mente vola subito alle lussureggianti perle dei Caraibi, alle spiagge bianche e alle palme che sfiorano la sabbia. Tra queste, una delle mete più amate e’ la Repubblica Dominicana. Ma lasciatemi sfatare due luoghi comuni su quest’isola, ancor prima di iniziare con il nostro racconto. In primis, l’isola, colloquialmente ed erratamente chiamata da noi Santo Domingo e’ in realtà la Repubblica Dominicana e Santo Domingo, la Capital, e’ appunto la capitale dell’isola. Un’isola davvero molto grande, l’isola di Hispaniola, che divide con lo stato di Haiti, nel cuore delle Antille e dei Caraibi.

Repubblica Dominicana: premesse e partenza 

Il secondo luogo comune e’ che la Repubblica Dominicana sia una meta prettamente da resort: delle 70.000 presenze italiane, la maggior parte di esse sceglie un soggiorno All Inclusive in resort all’interno dei quali soggiorna per tutta la vacanza, uscendo per esplorare i dintorni davvero difficilmente. E, lasciatemelo dire, questo e’ un peccato perchè Repubblica Dominicana non e’ solo resorts, ma e’ decisamente molto altro. E’ turismo di mare, turismo d’avventura e eco-turismo (Sia nella parte nord, nord-est che nella parte centrale dell’isola, dove si trova la zona montuosa, con il picco più alto che sfiora i 3000 metri e che protegge l’isola dai cicloni). Ma ancora turismo sportivo (Con i numerosi campi da golf, surf..) e turismo legato alla salute (Sono infatti molte ed interessanti le fonti termali di Repubblica Dominicana). Insomma, Repubblica Dominicana è uno dei paesi caraibici più vari sotto il profilo paesaggistico, è un territorio assolutamente da scoprire e da vivere.

Cosi, quello che abbiamo vissuto noi insieme all’Ente del Turismo della Repubblica Dominicana e’ un tour di una settimana in cui scoprire la Repubblica Dominicana più autentica, meno battuta ma senza perdersi la capitale Santo Domingo, le sue bellezze, locali notturni, le sue tradizioni e ovviamente il miglior shopping e la moda.

E se vi state subito chiedendo se l’isola e’ sicura per essere esplorata in solitario, la risposta e’ assolutamente si. I dominicani sono persone assolutamente festose, aperte, il turista e’ trattato molto bene ed il fatto che la lingua ufficiale sia lo spagnolo aiuta molto la comunicazione per noi italiani. Per replicare il nostro tour e’ consigliabile un volo su uno dei numerosi aeroporti dell’isola: un volo di linea oppure un volo charter come Neos Air, che abbiamo scelto come nostro partner di volo per poi proseguire il viaggio con un’auto a noleggio. Altrimenti alcune compagnie di tours come Colonial Tours offrono diverse esperienze di tour all’interno dell’isola. Sono sicura che non sara’ difficile trovarne, anche in loco, data l’ampia offerta!

repubblica dominicana

32 commenti